Eutanasia e suicidio assistito: esiste una differenza morale?

- di Massimo Sartori - Quando si parla di aiuto alla morte volontaria, si fa generalmente riferimento a due distinte modalità: l’eutanasia volontaria e il suicidio medicalmente assistito. L’eutanasia volontaria (di seguito, eutanasia) è l’atto con cui qualcuno – di solito un medico che inietta un farmaco mortale  – pone fine alle sofferenze, divenute irreversibili … Continua a leggere Eutanasia e suicidio assistito: esiste una differenza morale?

Dissipatio H.G., Guido Morselli

- di Sarah Dierna - Dissipatio H.G. è un romanzo, ma non è solo un romanzo. È un cammino che si percorre da soli, come solo è il suo protagonista. Sospeso tra la volontà di andarsene «senza lasciare traccia»[1] - così, infatti, inizia la storia – e l’attesa, alla fine, accompagnata ancora da un ultimo … Continua a leggere Dissipatio H.G., Guido Morselli

Fine-vita: alcune considerazioni sul diritto di morire

- di Sarah Dierna - Quando si parla della vita, quando si parla della morte, si parla sempre di noi. Si parla di ciò che siamo e di ciò che, dopo quell’evento che chiamiamo ‘morire’, non siamo più. Si parla della finitudine della nostra condizione; una condizione che definisce una materia, quella umana e quella … Continua a leggere Fine-vita: alcune considerazioni sul diritto di morire

La moralità dell’assistenza alla morte volontaria

- di Massimo Sartori - La morte volontaria assistita La morte volontaria (medicalmente) assistita comprende l’eutanasia e il suicidio assistito. Con l’eutanasia, qualcuno provoca direttamente la morte di chi volontariamente ne ha fatto richiesta. Invece, nel corso del suicidio assistito è la persona che desidera morire che assume da sé un farmaco letale che ha … Continua a leggere La moralità dell’assistenza alla morte volontaria